Se hai in progetto di aprire una pizzeria e quindi di metterti in proprio dovrai essere prima di tutto un bravo imprenditore.

Dovrai occuparti anche di marketing, comunicazione, amministrazione, organizzazione e produzione e la buona riuscita sarà in funzione della tua capacità di gestire al meglio tutti questi aspetti assieme.

Potremo dirti quanto guadagna una pizzeria solo quando avremo visto e conosciuto il tuo progetto.

Dovrà essere chiaro quanto sarà grande il locale, il numero di clienti che potranno essere serviti giornalmente e quali saranno le strategie di marketing e cioè:

  • scelta del target di mercato al quale rivolgersi;
  • strategie di prezzo, comunicative, promozionali;
  • individuazione della localizzazione e motivazioni che hanno portato a fare tale scelta;

Solo quando avremo a disposizione tutte le informazioni riguardo al progetto potremmo fare previsioni su quanto si guadagna con una pizzeria.

Diversamente, sarebbe una risposta data a caso visto che abbiamo clienti con pizzerie che hanno differenti caratteristiche, dimensioni e volumi di vendite.

Per questo motivo è molto importante fare un business plan per la tua pizzeria.

Con l’aiuto di un business plan ben fatto, che mostri:

  • l’organizzazione della pizzeria;
  • tutte le pizze e altri prodotti offerti nel menu;
  • la clientela target;
  • l’analisi dell’intero progetto,

si potrà realizzare un piano economico e finanziario dettagliato dal quale ne uscirà con una notevole precisione il fatturato della pizzeria e l’utile previsto.

Potrà essere calcolato anche il fabbisogno finanziario e valutare se abbiamo sufficienti disponibilità di liquidità per la realizzazione del progetto.

Altrimenti dovremo rivolgerci ad investitori esterni o chiedere un prestito alla banca.

QUANTO DEVE ESSERE IL FATTURATO DI UNA PIZZERIA

Quanto deve fatturare una pizzeria
quanto deve fatturare una pizzeria


Un’altra domanda di fondamentale importanza da farsi è “quanto deve fatturare una pizzeria” per raggiungere il punto di pareggio e coprire tutti i costi fissi?

Scopriremo poi qual è lo stipendio medio di un pizzaiolo in Italia e quale sarà il suo costo complessivo per l’attività.

Per spiegare l’importanza di questa domanda ci soffermeremo un momento sul significato di costo fisso e costo variabile.

I costi fissi della pizzeria sono, ad esempio:

  • la bolletta della luce e dell’acqua;
  • l’affitto del negozio;
  • il commercialista;
  • le assicurazioni per la responsabilità civile, comprese quelle del mezzo di trasporto se facciamo anche la consegna a domicilio;
  • apprendisti e dipendenti;
  • la tassa rifiuti ed altri costi minori.


Il punto di pareggio è dato dal numero di pizze e degli altri prodotti serviti come bevande, dolci, amari, caffè ecc., che sarà necessario vendere per poter coprire tutti i costi fissi.

Sorpassata questa quantità di vendite, la nostra pizzeria inizierà a realizzare i primi utili.

Naturalmente dalle entrate prodotte dalle vendite bisognerà poi sottrarre i costi variabili sostenuti come:

  • il costo delle materie prime, come, pomodoro, mozzarella, farina, lievito, salumi, formaggi, sottaceti e tutti gli altri prodotti necessari;
  • il costo delle merce come bevande, vini o dolci confezionati;
  • le spese di incasso tramite carta di credito e POS.

Non è certamente cosa facile, calcolare il punto di pareggio della pizzeria, ma con l’aiuto di un buon software, una volta impostati i dati richiesti, si potrà calcolare rapidamente.

Si potranno anche fare molteplici simulazioni, per vedere come cambia col variare dei prezzi delle pizze, dei prodotti serviti o dei costi di tutte le materie prime.

QUANTO GUADAGNA UN PIZZAIOLO IN ITALIA

Un pizzaiolo alle prime armi che lavora in una pizzeria o un ristorante guadagna in media 800 euro; una cifra che sale fino a 1.200 quando ormai si è padroni della professione e si è stabilmente intrapresa la carriera.

Una volta diventati esperti pizzaioli si arriva a guadagnare anche 1.800 euro (la stessa cifra, però, si guadagna anche con meno esperienza se si lavora sulle navi da crociera o se si esercita tale attività all’estero).

I pizzaioli che lavorano in locali molto rinomati hanno uno stipendio molto superiore però a quelli sopra citati.

Per ulteriori approfondimenti ci si può rivolgere ad una delle principali associazioni di categoria.


Con il software business plan pizzeria, abbiamo rapidamente calcolato quanto guadagna un pizzaiolo e il costo aziendale del dipendente per ogni mese, inclusi TFR e contributi.

Inoltre, anche grazie all’esempio precaricato per la pizzeria, abbiamo realizzato un business plan professionale in pochissimo tempo, utilizzandolo per la richiesta di un finanziamento conforme alle nuove linee guida EBA 2021.

PERCHÉ CALCOLARE QUANTO GUADAGNA UNA PIZZERIA DA ASPORTO O AL PIATTO

quanto guadagna una pizzeria da asporto
quanto guadagna una pizzeria da asporto


In conclusione, dovrebbe essere abbastanza chiaro che non è fondamentale conoscere quanto guadagna una pizzeria al taglio o al piatto o quanto deve fatturare una pizzeria.

Sarà invece molto importante sapere quale sarà il punto di pareggio, il fabbisogno finanziario e l’utile.

È da sottolineare che, anche il più bravo dei commercialisti, si deve servire di un software fatto come si deve per poter fare tutti questi calcoli senza impiegare troppo tempo e cosi poter accontentare i propri clienti con un buon servizio.

Servendoci ad esempio del nostro programma di business plan pizzeria, siamo stati in grado di calcolare rapidamente la redditività del capitale investito.

Abbiamo anche calcolato la liquidità necessaria per aprire e gestire la pizzeria del nostro cliente e quanto guadagnerà se tutto andrà come previsto.

In base ai dati risultati dal business plan abbiamo potuto calcolare:

  • il numero dei clienti che potranno essere serviti nella pizzeria da asporto o al piatto;
  • valutare quanti dipendenti potremo assumere;
  • fare il calcolo dell’investimento necessario e dell’importo per un eventuale finanziamento da chiedere alla banca.