Scopri come calcolare quanto guadagna una carrozzeria con il nostro articolo e la guida dettagliata. Dalle stime di guadagno ai prodotti e servizi offerti, passando per i requisiti necessari e le tendenze di mercato, troverai tutte le informazioni essenziali per avviare e gestire con successo la tua carrozzeria utilizzando il software business plan Carrozzeria di Bsness.com.

software business plan carrozzeria

Il software per fare da solo il business plan di una carrozzeria anche senza essere un esperto.

Include un esempio completo ottimizzato per la richiesta di un finanziamento e sul quale potrai direttamente lavorare.

Quanto guadagna una carrozzeria – fatturato e redditività

Una carrozzeria può essere un’attività molto redditizia, ma i guadagni variano in base a diversi fattori. Ecco un’analisi dettagliata del fatturato medio e del margine di redditività.

Fatturato medio

Il fatturato medio di una carrozzeria dipende dalla dimensione, dalla posizione, dalla clientela e dai servizi offerti. In media, una carrozzeria può generare:

  • Piccola carrozzeria: Fatturato annuo tra 100.000 e 300.000 euro;
  • Carrozzeria di medie dimensioni: Fatturato annuo tra 300.000 e 700.000 euro;
  • Grande carrozzeria: Fatturato annuo che può superare i 700.000 euro e arrivare fino a 1 milione di euro o più.

Margine di redditività

Il margine di redditività di una carrozzeria è influenzato dai costi delle materie prime, dai costi operativi e dalla strategia di prezzo. Generalmente, i margini di profitto sono:

  • Margine di profitto lordo: Spesso intorno al 50-60%. Questo margine include il costo delle parti di ricambio, vernici e materiali utilizzati per le riparazioni;
  • Margine di profitto netto: Dopo aver considerato tutte le spese operative, come affitto, stipendi, utenze e tasse, il margine netto tende ad essere tra il 10% e il 20%.

Fattori che influenzano il guadagno

  1. Costo delle materie prime: Utilizzare materiali di alta qualità può aumentare i costi, ma anche il prezzo di vendita e la soddisfazione del cliente;
  2. Efficienza produttiva: Ottimizzare i processi di riparazione e verniciatura riduce gli sprechi e i costi operativi;
  3. Prezzi di vendita: Bilanciare i prezzi per essere competitivi e coprire i costi è cruciale;
  4. Location: La posizione della carrozzeria influisce sul volume di clienti e sulle vendite;
  5. Marketing e promozione: Investire in pubblicità può aumentare la visibilità e il numero di clienti.

In sintesi, una carrozzeria ben gestita può aspettarsi un fatturato medio annuo che varia significativamente a seconda delle dimensioni e della posizione, con margini di profitto netto che si aggirano intorno al 10-20%. La chiave del successo risiede nell’equilibrio tra qualità del servizio, efficienza operativa e strategia di marketing.

carrozzeria redditività
carrozzeria guadagno in Italia

Prodotti e Servizi offerti da una carrozzeria

Una carrozzeria offre una vasta gamma di prodotti e servizi per soddisfare le esigenze dei clienti in termini di riparazione e manutenzione dei veicoli. Ecco un elenco dettagliato dei principali prodotti e servizi offerti, insieme ai prezzi medi associati.

Prodotti

  1. Pezzi di ricambio
    • Paraurti: Prezzo medio di 100-300 euro;
    • Fari e fanali: Prezzo medio di 50-150 euro ciascuno;
    • Specchietti retrovisori: Prezzo medio di 50-100 euro ciascuno;
    • Pannelli delle porte: Prezzo medio di 150-400 euro ciascuno.
  2. Vernici e materiali per la carrozzeria
    • Vernice per ritocchi: Prezzo medio di 20-50 euro per flacone;
    • Kit di verniciatura completa: Prezzo medio di 200-500 euro.

Servizi

  1. Riparazione della carrozzeria
    • Riparazione ammaccature: Prezzo medio di 50-200 euro per ammaccatura, a seconda della dimensione e della complessità;
    • Sostituzione parti danneggiate: Il costo varia in base ai pezzi di ricambio utilizzati e alla manodopera, con un prezzo medio di 100-500 euro per intervento.
  2. Verniciatura
    • Verniciatura completa del veicolo: Prezzo medio di 1.000-3.000 euro, a seconda del tipo di vernice e della dimensione del veicolo;
    • Ritocchi di vernice: Prezzo medio di 100-300 euro per piccole aree da ritoccare.
  3. Servizi di manutenzione
    • Lucidatura: Prezzo medio di 50-150 euro per un trattamento completo;
    • Trattamenti anti-corrosione: Prezzo medio di 100-300 euro.
  4. Sostituzione vetri e parabrezza
    • Sostituzione parabrezza: Prezzo medio di 200-500 euro;
    • Sostituzione finestrini: Prezzo medio di 100-250 euro ciascuno.
  5. Servizi di detailing
    • Pulizia e detailing interno: Prezzo medio di 50-200 euro;
    • Pulizia e detailing esterno: Prezzo medio di 50-150 euro.
  6. Servizi di gestione sinistri
    • Assistenza nella gestione dei sinistri: Solitamente offerto come parte del servizio di riparazione, senza costi aggiuntivi diretti per il cliente.

Conclusione

Una carrozzeria offre una vasta gamma di prodotti e servizi, dai pezzi di ricambio alla verniciatura e alla riparazione della carrozzeria, con prezzi medi che variano a seconda della tipologia e della complessità dell’intervento. Questi servizi sono essenziali per mantenere e ripristinare l’estetica e la funzionalità dei veicoli, garantendo la soddisfazione dei clienti e la redditività dell’attività.

carrozzeria modello di business plan
business plan carrozzeria

Requisiti e autorizzazioni per aprire con una carrozzeria

Aprire una carrozzeria richiede il rispetto di una serie di requisiti e l’ottenimento di diverse autorizzazioni per garantire la conformità alle normative vigenti. Di seguito, elenchiamo in modo dettagliato i principali requisiti e autorizzazioni basandoci su informazioni provenienti da fonti istituzionali come le camere di commercio.

Requisiti legali e burocratici

  1. Iscrizione alla Camera di Commercio
    • Apertura della Partita IVA: Il primo passo per avviare un’attività commerciale è l’apertura della Partita IVA;
    • Iscrizione al Registro delle Imprese: Necessaria per essere riconosciuti come impresa e per operare legalmente.
  2. Autorizzazioni sanitarie e ambientali
    • Autorizzazione sanitaria: Prima di avviare l’attività, è obbligatorio ottenere un’autorizzazione sanitaria dall’ASL competente, che verifica la conformità delle strutture e delle attrezzature alle norme igienico-sanitarie;
    • Autorizzazione ambientale: Necessaria per la gestione dei rifiuti e delle emissioni inquinanti. Deve essere richiesta presso l’ente regionale o provinciale competente.
  3. Certificazioni tecniche
    • Certificazione SOA: Per partecipare a gare d’appalto pubbliche, può essere richiesta la certificazione SOA che attesta la qualificazione dell’impresa;
    • Certificazione ISO: Ottenere una certificazione ISO, come la ISO 9001 per la qualità, può essere un valore aggiunto per dimostrare la qualità dei servizi offerti.

Requisiti strutturali e tecnici

  1. Locali adeguati
    • Requisiti urbanistici: I locali devono essere conformi alle normative urbanistiche e di destinazione d’uso;
    • Strutture e attrezzature: Devono essere adeguate alla riparazione e verniciatura dei veicoli, con specifiche aree per la lavorazione, lo stoccaggio delle materie prime e dei rifiuti.
  2. Attrezzature necessarie
    • Cabine di verniciatura: Spazi attrezzati per la verniciatura dei veicoli, dotati di sistemi di filtrazione e aspirazione;
    • Strumenti per la riparazione: Attrezzature per la riparazione della carrozzeria, come saldatrici, levigatrici, e pistole per la verniciatura;
    • Sistemi di sicurezza: Devono essere installati dispositivi di sicurezza conformi alle normative, tra cui sistemi antincendio e dispositivi di protezione individuale per i lavoratori.

Requisiti fiscali e amministrativi

  1. Registri fiscali
    • Contabilità ordinaria: Obbligatoria per tutte le imprese, richiede la registrazione dettagliata di tutte le operazioni finanziarie;
    • Bilancio annuale: Deve essere redatto e depositato presso la Camera di Commercio.
  2. Assicurazione
    • Polizza assicurativa: È consigliabile stipulare una polizza assicurativa per coprire eventuali danni a terzi, furti, incendi e infortuni sul lavoro.
  3. Contratti di lavoro
    • Regolarizzazione del personale: Tutti i dipendenti devono essere assunti regolarmente, con contratti conformi alle normative vigenti in materia di lavoro.

Autorizzazioni specifiche

  1. Permessi per l’installazione delle insegne
    • Autorizzazione comunale: Per installare insegne pubblicitarie, è necessario ottenere un’autorizzazione dal Comune di competenza.
  2. Licenza di pubblica sicurezza
    • Autorizzazione della Questura: In alcuni casi, può essere richiesta una licenza di pubblica sicurezza, soprattutto se la carrozzeria effettua anche la vendita di veicoli usati.

Conclusione

Per aprire una carrozzeria in Italia, è necessario soddisfare una serie di requisiti legali, sanitari e burocratici. Questi includono l’iscrizione alla Camera di Commercio, l’ottenimento delle autorizzazioni sanitarie e ambientali, e la conformità alle normative urbanistiche e di sicurezza. Inoltre, è essenziale gestire correttamente la contabilità e assicurare il personale. Rispettare tutte queste norme è fondamentale per operare in modo legale e sicuro, garantendo il successo e la sostenibilità dell’attività.

Tipologia di clienti per una carrozzeria

Una carrozzeria si rivolge a una varietà di tipologie di clienti, ognuna con esigenze e richieste specifiche. Ecco una descrizione dettagliata dei principali segmenti di clientela:

Clienti individuali

  1. Proprietari di veicoli privati
    • Automobilisti: Individui che possiedono auto e necessitano di servizi di riparazione, verniciatura e manutenzione per mantenere il veicolo in perfette condizioni;
    • Appassionati di auto d’epoca: Proprietari di veicoli storici che richiedono restauri specifici e personalizzati per i loro mezzi.
  2. Clienti abituali
    • Consumatori fedeli: Clienti che tornano regolarmente per manutenzione e riparazioni, fidelizzati grazie alla qualità del servizio e al rapporto di fiducia instaurato.

Clienti aziendali

  1. Flotte aziendali
    • Noleggiatori di auto: Aziende di noleggio veicoli che necessitano di manutenzione regolare e riparazioni rapide per mantenere la loro flotta operativa;
    • Società di leasing: Aziende che offrono veicoli in leasing e richiedono servizi di carrozzeria per mantenere i veicoli in condizioni ottimali.
  2. Concessionari e rivenditori
    • Concessionarie auto: Rivenditori che necessitano di riparazioni e ritocchi estetici per i veicoli nuovi e usati destinati alla vendita;
    • Rivenditori di auto usate: Necessitano di servizi di riparazione e verniciatura per preparare i veicoli alla vendita.
  3. Compagnie assicurative
    • Assicurazioni: Aziende che collaborano con le carrozzerie per le riparazioni di veicoli danneggiati in incidenti stradali, gestendo le pratiche di rimborso per i propri clienti.

Cenni sulla situazione del mercato e tendenze previste

Il mercato delle carrozzerie è dinamico e influenzato da diversi fattori economici e tecnologici. Ecco alcune tendenze chiave e previsioni:

  1. Crescita della domanda di riparazioni rapide
    • I clienti richiedono sempre più spesso servizi di riparazione rapida, come la riparazione di ammaccature senza verniciatura (PDR) e piccoli ritocchi, per minimizzare il tempo di fermo del veicolo.
  2. Aumento dell’uso di tecnologie avanzate
    • L’integrazione di tecnologie avanzate come la verniciatura robotizzata, i sistemi di calibrazione ADAS (Advanced Driver Assistance Systems) e i software di gestione delle riparazioni sta migliorando l’efficienza e la qualità dei servizi offerti dalle carrozzerie.
  3. Focus sulla sostenibilità
    • C’è una crescente attenzione alla sostenibilità, con carrozzerie che adottano pratiche ecologiche come l’uso di vernici a base d’acqua e la gestione responsabile dei rifiuti.
  4. Espansione dei servizi di detailing
    • L’offerta di servizi di detailing sta diventando sempre più popolare, con clienti che richiedono trattamenti di pulizia e manutenzione estetica avanzata per i loro veicoli.
  5. Partnership con compagnie assicurative
    • Le carrozzerie stanno sviluppando partnership strategiche con compagnie assicurative, garantendo flussi costanti di lavoro attraverso accordi preferenziali per la gestione dei sinistri.

La carrozzeria si rivolge a una vasta gamma di clienti, dai proprietari di veicoli privati alle aziende con flotte, passando per concessionarie e compagnie assicurative. Il mercato delle carrozzerie è in continua evoluzione, guidato dalla domanda di riparazioni rapide, dall’adozione di tecnologie avanzate, dal focus sulla sostenibilità e dall’espansione dei servizi di detailing. Queste tendenze offrono nuove opportunità per le carrozzerie di migliorare l’efficienza, la qualità del servizio e la soddisfazione dei clienti.

Quanto guadagna un dipendente di una carrozzeria sulla base del CCNL

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) per il settore delle carrozzerie stabilisce i parametri retributivi per i diversi inquadramenti professionali all’interno dell’attività. Di seguito, vengono indicati gli stipendi minimi per i vari inquadramenti basandosi sulle norme previste dal CCNL.

Inquadramenti e stipendi minimi

  1. Operaio specializzato
    • Stipendio minimo mensile: 1.600 – 1.800 euro
    • Descrizione del ruolo: Esegue lavori complessi di riparazione e verniciatura, utilizza macchinari specializzati e può avere responsabilità di supervisione su altri operai.
  2. Operaio qualificato
    • Stipendio minimo mensile: 1.400 – 1.600 euro
    • Descrizione del ruolo: Svolge lavori di riparazione, montaggio e smontaggio delle parti di carrozzeria, e assistenza nei processi di verniciatura.
  3. Apprendista carrozziere
    • Stipendio minimo mensile: 1.000 – 1.200 euro
    • Descrizione del ruolo: Esegue lavori sotto supervisione, apprendendo le tecniche di riparazione e verniciatura.
  4. Addetto amministrativo
    • Stipendio minimo mensile: 1.300 – 1.500 euro
    • Descrizione del ruolo: Gestisce le attività amministrative, la contabilità e le relazioni con i clienti e fornitori.
  5. Responsabile tecnico
    • Stipendio minimo mensile: 1.800 – 2.200 euro
    • Descrizione del ruolo: Coordina e supervisiona tutte le attività tecniche della carrozzeria, gestendo il personale operativo e assicurando la qualità dei lavori eseguiti.

Variazioni e supplementi

  • Supplementi per esperienza e specializzazione: Gli stipendi minimi possono aumentare in base all’esperienza del dipendente e alle competenze specialistiche richieste per il ruolo.
  • Bonus di produttività: In aggiunta allo stipendio minimo, i dipendenti possono ricevere bonus basati sulla produttività e sugli obiettivi raggiunti.

I dipendenti di una carrozzeria guadagnano stipendi che variano in base al loro inquadramento professionale e alla loro esperienza. Secondo il CCNL, gli stipendi minimi mensili vanno da 1.000 a 2.200 euro, con possibili incrementi legati all’esperienza e alla specializzazione. Questi stipendi forniscono una base solida, ma i guadagni possono aumentare con bonus di produttività e altre incentivazioni legate alla performance.

Calcolare i guadagni di una carrozzeria con il software business plan carrozzeria di Bsness.com

Un business plan ben fatto, permette di calcolare in modo dettagliato e preciso quanto può guadagnare una carrozzeria. Il software specifico di Bsness.com consente inoltre di ottenere un piano economico e finanziario completo inserendo semplicemente i dati base del progetto. Ecco una guida chiara su come procedere.

Dati base del progetto

  1. Investimenti iniziali per le attrezzature necessarie
    • Cabina di verniciatura: Necessaria per la verniciatura dei veicoli, con un costo iniziale significativo;
    • Strumenti per la riparazione: Saldatrici, levigatrici, pistole per la verniciatura, e strumenti per la riparazione delle ammaccature;
    • Attrezzature diagnostiche: Sistemi per la calibrazione ADAS (Advanced Driver Assistance Systems) e strumenti diagnostici per l’elettronica del veicolo;
    • Sistemi di sicurezza: Estintori, dispositivi di protezione individuale per i lavoratori, e sistemi antincendio.
  2. Servizi offerti
    • Riparazione della carrozzeria: Servizi di riparazione di ammaccature, sostituzione di parti danneggiate e ripristino della carrozzeria;
    • Verniciatura: Verniciatura completa del veicolo e ritocchi di vernice;
    • Manutenzione: Servizi di lucidatura, trattamenti anti-corrosione e detailing;
    • Sostituzione vetri e parabrezza: Sostituzione di parabrezza e finestrini danneggiati;
    • Gestione sinistri: Assistenza nella gestione dei sinistri con le compagnie assicurative.
  3. Prezzi di vendita
    • Riparazione ammaccature: Prezzo medio di 50-200 euro per ammaccatura;
    • Verniciatura completa: Prezzo medio di 1.000-3.000 euro;
    • Lucidatura: Prezzo medio di 50-150 euro;
    • Sostituzione parabrezza: Prezzo medio di 200-500 euro;
    • Gestione sinistri: Servizio spesso incluso nel costo delle riparazioni.

Costi per aprire un’autofficina o una carrozzeria

  1. Costi fissi
    • Affitto del locale: Costo mensile per lo spazio della carrozzeria;
    • Stipendi del personale: Compensi per i dipendenti, inclusi meccanici, verniciatori e personale amministrativo;
    • Utenze: Costi per elettricità, acqua, gas e connessione internet;
    • Spese amministrative: Costi per la gestione amministrativa, legale e fiscale.
  2. Costi variabili
    • Materie prime: Costi per vernici, pezzi di ricambio e materiali utilizzati nelle riparazioni;
    • Packaging e materiali di consumo: Costi per mascherature, nastri adesivi e materiali di consumo per la verniciatura;
    • Marketing e pubblicità: Spese per promozioni, volantini, campagne online.

Funzionalità del software

  • Calcolo dei volumi di vendita dei prodotti: Inserendo i dati relativi ai servizi offerti, il software calcola automaticamente i volumi di vendita;
  • Calcolo del fatturato e dei costi complessivi: Basandosi sui prezzi di vendita e sui costi, il software fornisce il totale del fatturato e dei costi complessivi;
  • Margini di redditività di ogni prodotto: Analisi dettagliata dei profitti per ciascun servizio offerto;
  • Punto di pareggio (break-even point): Identificazione del volume di vendite necessario per coprire tutti i costi e iniziare a generare profitto;
  • Flussi di cassa: Previsione dei flussi di cassa per pianificare la liquidità aziendale;
  • Fabbisogno finanziario: Calcolo dell’importo necessario per avviare o espandere l’attività, inclusa l’identificazione del finanziamento da richiedere in banca;
  • Indice DSCR (Debt Service Coverage Ratio): Valutazione della sostenibilità del finanziamento richiesto, basato sulla capacità dell’attività di generare flussi di cassa sufficienti a coprire il servizio del debito.

Conclusione

Grazie al software business plan Carrozzeria di Bsness.com, puoi ottenere un quadro completo della redditività della tua carrozzeria. Inserendo dati come investimenti iniziali, servizi offerti, prezzi di vendita, costi fissi e variabili, il software calcolerà automaticamente fatturato, costi complessivi, margini di redditività, punto di pareggio, flussi di cassa, e fabbisogno finanziario. Inoltre, l’indice DSCR ti permetterà di valutare la sostenibilità del finanziamento richiesto per avviare o ampliare l’attività, garantendo così una gestione finanziaria ottimale.

Articolo scritto il 10/06/2024

dott stefano ventura bsness

STEFANO VENTURALinkedin

È il fondatore di Bsness.com, software house operante in Italia e Spagna. Si è laureato in economia e commercio presso l’Università di Bologna dove ha anche conseguito il titolo di Dottore Commercialista. Ha esercitato con successo la professione di Dottore Commercialista come esperto in budget e business plan per poi dedicarsi a tempo pieno alla crescita di Bsness.com.