Diventare tatuatore: un percorso tra arte e professione

Farsi un tatuaggio è diventato una vera e propria tendenza del nuovo millennio, influenzata fortemente dalla visibilità che personaggi famosi hanno dato a questa forma d’arte corporea. Se ti stai chiedendo come diventare un tatuatore, è fondamentale sapere che questa professione richiede non solo talento artistico ma anche una qualifica professionale. Pratiche estetiche come il tatuaggio hanno un significativo impatto sulla salute, pertanto sono regolate da specifiche normative amministrative e di igiene.

Software business plan tatuatore

Il miglior software specifico per fare il business plan di un tatuatore in modo semplice e calcolare rapidamente quanto guadagna ed il punto di pareggio.

Con un esempio completo realizzato da esperti del settore per il mercato italiano sul quale potrai direttamente lavorare.

La formazione necessaria per diventare tatuatore

Per intraprendere questa carriera, è essenziale partecipare a un corso di formazione obbligatorio, riconosciuto dalla regione di appartenenza, che conduca all’ottenimento della qualifica di operatore di tatuaggio e piercing. I migliori programmi di formazione offrono non solo lezioni teoriche ma anche laboratori pratici, materiale didattico adeguato e opportunità di stage in studi professionali.

Ad esempio per la Regione Veneto, è richiesto un corso di formazione della durata di 90 ore e il superamento dell’esame finale che consiste in una prova scritta e un colloquio e che consente il rilascio dell’idoneità soggettiva all’esercizio della professione.

Sbocchi professionali per i tatuatori

Una volta ottenuta la qualifica, le possibilità lavorative sono ampie: si può aprire un proprio studio o collaborare con altri centri sia come freelance che come dipendente. La popolarità dei tatuaggi in Italia e all’estero garantisce una vasta gamma di opportunità, supportata anche da eventi e fiere internazionali dedicate a questa forma d’arte.

Quanto guadagna un tatuatore: analisi del mercato

quanto guadagna il proprietario di uno studio di tatuaggi
quanto guadagna il proprietario di uno studio di tatuaggi

Il guadagno di un tatuatore può variare significativamente in base all’esperienza, alla reputazione e alla clientela. Un professionista con una buona base di clienti può guadagnare da 200 a 300 euro al giorno, con la possibilità di incrementare significativamente queste cifre per lavori più complessi o per tatuatori di fama. I costi per un tatuaggio partono da circa 50 euro per lavori semplici, arrivando fino a 500-700 euro per opere di maggiore complessità o valore artistico.

Il software per calcolare quanto guadagna un tatuatore e ottenere finanziamenti e contributi

Il software business plan per tatuatori di Bsness.com è uno strumento intuitivo e completo, progettato per rispondere alle esigenze specifiche dei professionisti nel settore del tatuaggio.

Grazie a questo software, calcolare il fatturato, il fabbisogno finanziario, la redditività, il punto di pareggio e accedere a finanziamenti e contributi a fondo perduto diventa un processo diretto e semplificato.

Calcolo del fatturato

Il software permette di inserire facilmente dati relativi a prezzi, tipologie di servizi offerti e stime di clienti, fornendo una proiezione affidabile del fatturato annuo. Utilizzando algoritmi precisi, il sistema aggiorna automaticamente le stime di guadagno in base alle variazioni inserite, offrendo una visione chiara del potenziale di guadagno.

Fabbisogno finanziario

Attraverso un’analisi dettagliata delle spese iniziali, costi fissi e variabili, il software aiuta a determinare il fabbisogno finanziario totale per avviare o espandere l’attività di tatuaggio. Questa funzionalità è essenziale per pianificare investimenti iniziali e per la gestione efficace del capitale di esercizio.

Redditività e punto di pareggio

Il software offre strumenti per calcolare la redditività dell’attività, consentendo di identificare i servizi più profittevoli e ottimizzare l’offerta. Inoltre, calcola il punto di pareggio, ovvero il momento in cui i ricavi coprono completamente i costi, fondamentale per valutare la sostenibilità economica del progetto.

Ottenimento di finanziamenti e contributi a fondo perduto

Grazie alla capacità di generare report dettagliati e professionali, il software business plan facilita la presentazione del progetto a banche e istituti di credito per l’ottenimento di finanziamenti. La chiarezza e la precisione dei dati forniti migliorano le possibilità di accesso a prestiti, finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto, essenziali per supportare la crescita dell’attività.

In sintesi, il software business plan per tatuatori di Bsness.com è uno strumento essenziale per chi opera in questo settore, permettendo di navigare con facilità attraverso la pianificazione finanziaria, la gestione economica e l’accesso a opportunità di finanziamento, garantendo così una solida base per il successo dell’attività.

Conclusione: il tatuaggio come professione e forma d’arte

Diventare tatuatore significa abbracciare una professione che sta al confine tra l’arte e il benessere personale, richiedendo una preparazione specifica sia sotto il profilo tecnico che igienico-sanitario.

Con un mercato in continua espansione, la carriera di tatuatore offre prospettive di guadagno interessanti, oltre alla possibilità di esprimere la propria creatività artistica.

Se sei appassionato di questa forma d’arte e disposto a dedicare tempo e risorse alla tua formazione, il percorso per diventare tatuatore può portarti a una carriera ricca di soddisfazioni personali e professionali.

Articolo scritto il 21/3/2024

dott stefano ventura bsness

STEFANO VENTURALinkedin

Stefano Ventura è il fondatore di Bsness.com, software house operante in Italia e Spagna. Si è laureato in economia e commercio presso l’Università di Bologna dove ha anche conseguito il titolo di Dottore Commercialista. Ha esercitato con successo la professione di Dottore Commercialista come esperto in budget e business plan per poi dedicarsi a tempo pieno alla crescita di Bsness.com.