Aprire una pizzeria al taglio è un’ottima opportunità di business, ma quanto costa realmente? Scopri con precisione i costi fissi e variabili, il fabbisogno finanziario e come calcolare l’importo del finanziamento bancario necessario per avviare la tua attività. Con il software business plan Pizzeria al taglio di Bsness.com, pianificare il tuo successo non è mai stato così semplice!

software business plan pizzeria al taglio

Il software specifico per fare il business plan pizzeria al taglio in modo semplice e rapido.

Potrai lavorare direttamente su un esempio di business plan completo realizzato da esperti del settore per la richiesta di un finanziamento.

Quanto costa aprire una piccola pizzeria al taglio? Scopriamolo insieme!

Aprire una piccola pizzeria al taglio può essere un’ottima opportunità di business, ma è fondamentale conoscere i costi iniziali per pianificare correttamente il tuo investimento. Di seguito, analizziamo i principali costi, suddivisi tra attrezzature e altri investimenti iniziali necessari.

Attrezzature principali

Forno per pizzaCosto: €5.000 – €10.000

Il forno è l’elemento centrale di una pizzeria al taglio. I forni elettrici o a gas per pizzerie possono variare notevolmente in base alla capacità e alle funzionalità aggiuntive.

ImpastatriceCosto: €1.500 – €3.000

Essenziale per preparare l’impasto della pizza, una buona impastatrice deve essere robusta e affidabile.

Frigoriferi e congelatoriCosto: €2.000 – €5.000

Necessari per conservare gli ingredienti freschi e le pizze già preparate.

Arredi (bancone, tavoli, sedie)Costo: €3.000 – €6.000

L’arredamento della pizzeria deve essere funzionale e accogliente per i clienti.

Attrezzature da cucinaCosto: €1.000 – €2.000

Include teglie, coltelli, bilance, taglieri e altre attrezzature essenziali per la preparazione delle pizze.

    Altri investimenti iniziali

    Ristrutturazione del localeCosto: €10.000 – €20.000

    Adeguare il locale alle normative sanitarie e alle esigenze della tua pizzeria può richiedere interventi di ristrutturazione.

    Licenze e permessiCosto: €1.000 – €2.000

    Include i costi per ottenere tutte le autorizzazioni necessarie, come la licenza commerciale e l’autorizzazione sanitaria.

    Marketing e pubblicitàCosto: €1.000 – €3.000

    Promuovere la tua pizzeria è cruciale per attrarre i primi clienti. Questo può includere la creazione di un sito web, pubblicità online e materiale promozionale.

    Spese per la formazione del personaleCosto: €500 – €1.500

    Formare il personale per garantire un servizio di qualità è un investimento necessario per il successo della tua attività.

    Prima fornitura di materie primeCosto: €2.000 – €4.000

    Include l’acquisto iniziale di ingredienti come farina, pomodoro, mozzarella, e altri ingredienti per le pizze.

      Totale stimato dei costi iniziali

      Il costo totale per aprire una piccola pizzeria al taglio può variare tra €26.000 e €56.500, a seconda delle specifiche esigenze e delle scelte fatte in termini di attrezzature e arredamenti.

      Conoscere i costi iniziali è fondamentale per la pianificazione finanziaria della tua pizzeria al taglio. Gli investimenti in attrezzature di qualità e le spese per adeguamenti e promozione sono essenziali per avviare un’attività di successo. Se stai considerando di aprire una pizzeria al taglio, pianifica accuratamente il tuo budget e assicurati di avere una solida strategia di marketing per attirare i tuoi primi clienti.

      Come calcolare quanto costa aprire la tua pizzeria al taglio

      Tipologia di personale per una pizzeria al taglio: competenze, esperienze e costi mensili

      Aprire e gestire una pizzeria al taglio di successo richiede l’assunzione di personale qualificato con competenze specifiche. Ecco una panoramica delle principali mansioni, delle competenze richieste e dei costi mensili associati.

      1. Pizzaiolo

      Competenze ed esperienze:

      • Esperienza nella preparazione della pizza: Deve avere competenze nella preparazione dell’impasto, nella stesura, nella farcitura e nella cottura della pizza;
      • Conoscenza delle attrezzature: Abilità nell’utilizzo di forni professionali, impastatrici e altre attrezzature da cucina;
      • Creatività e conoscenza delle ricette: Capacità di creare nuove ricette e di seguire quelle esistenti;
      • Pulizia e igiene: Rispettare le normative igienico-sanitarie.

      Costo mensile:

      • Salario medio: €1.800 – €2.500 lordi.

      2. Aiuto pizzaiolo

      Competenze ed esperienze:

      • Supporto al pizzaiolo principale: Assistenza nella preparazione degli ingredienti e nella gestione del forno;
      • Esperienza di base in cucina: Conoscenze di base della cucina e della preparazione degli alimenti;
      • Attenzione ai dettagli: Precisione e attenzione nella preparazione delle pizze e nella pulizia.

      Costo mensile:

      • Salario medio: €1.200 – €1.500 lordi.

      3. Cassiere e addetto al servizio clienti

      Competenze ed esperienze:

      • Gestione della cassa: Abilità nell’uso di registratori di cassa e terminali di pagamento;
      • Servizio clienti: Ottime capacità comunicative e attitudine al servizio al cliente;
      • Organizzazione: Capacità di gestire ordini telefonici e online, oltre che quelli al banco.

      Costo mensile:

      • Salario medio: €1.200 – €1.600 lordi.

      4. Personale di sala (se previsto)

      Competenze ed esperienze:

      • Accoglienza clienti: Capacità di accogliere i clienti e fornire informazioni sul menu;
      • Servizio ai tavoli: Esperienza nel servizio ai tavoli, gestione degli ordini e pulizia delle aree comuni;
      • Teamwork: Capacità di lavorare in team e collaborare con il resto dello staff.

      Costo mensile:

      • Salario medio: €1.200 – €1.500 lordi.

      5. Addetto alle consegne (se previsto)

      Competenze ed esperienze:

      • Patente di guida: Possesso di patente e conoscenza del territorio locale;
      • Affidabilità e puntualità: Puntualità nelle consegne e capacità di gestire il denaro in modo sicuro;
      • Ottime capacità comunicative: Capacità di interagire positivamente con i clienti durante le consegne.

      Costo mensile:

      • Salario medio: €1.000 – €1.300 lordi.

      Costi complessivi del personale

      Considerando una piccola pizzeria al taglio con un pizzaiolo, un aiuto pizzaiolo, un cassiere e, opzionalmente, personale di sala e addetti alle consegne, il costo mensile totale del personale può variare da €6.200 a €8.900 lordi.

      Assumere il personale giusto è cruciale per il successo di una pizzeria al taglio. È importante investire in personale con le competenze e le esperienze adeguate, assicurandosi che siano motivati e ben formati per offrire un servizio eccellente ai clienti. Conoscere i costi mensili del personale ti aiuterà a pianificare meglio il budget e a garantire la sostenibilità economica della tua attività.

      il business plan pizzeria al taglio

      Prodotti tipici offerti da una pizzeria al taglio

      e pizzerie al taglio offrono una vasta gamma di prodotti, differenziandosi in base alle ricette, agli ingredienti utilizzati e al tipo di clientela. Ecco una panoramica dei prodotti più comuni e delle loro varianti.

      Prodotti principali

      Pizza MargheritaIngredienti: Pomodoro, mozzarella, basilico e olio extravergine di oliva. È la pizza più semplice e amata, un classico intramontabile della tradizione italiana.

        Pizza con prosciutto e funghiIngredienti: Pomodoro, mozzarella, prosciutto cotto e funghi. Una combinazione popolare che unisce il sapore delicato del prosciutto alla consistenza dei funghi.

        Pizza quattro formaggiIngredienti: Mozzarella, gorgonzola, parmigiano e fontina. Ricca di sapore, questa pizza è ideale per gli amanti del formaggio.

        Pizza vegetarianaIngredienti: Verdure di stagione come zucchine, melanzane, peperoni, pomodori e cipolle. Perfetta per chi preferisce una dieta senza carne, offre un mix di sapori freschi e naturali.

        Pizza capricciosaIngredienti: Pomodoro, mozzarella, funghi, carciofi, prosciutto cotto e olive. Una pizza ricca e variegata, che offre una combinazione di ingredienti molto saporita.

        Pizza al salame piccanteIngredienti: Pomodoro, mozzarella, salame piccante. Ideale per chi ama i sapori forti e piccanti.

          Differenze in funzione delle tipologie di pizzeria al taglio

          Pizzeria tradizionale

          • Prodotti tipici: Oltre ai classici menzionati, può offrire varianti regionali come la Pizza Napoli con acciughe e capperi o la Pizza Romana con acciughe e origano.
          • Caratteristiche: Spesso utilizza ingredienti locali e segue ricette tradizionali.

          Pizzeria gourmet

          • Prodotti tipici: Pizze con ingredienti ricercati come tartufo, burrata, prosciutto crudo di Parma, fichi e rucola.
          • Caratteristiche: Si concentra sulla qualità e la presentazione, offrendo combinazioni innovative e raffinate.

          Pizzeria biologica

          • Prodotti tipici: Pizze preparate con farine biologiche, lievito madre e ingredienti biologici certificati.
          • Caratteristiche: Attenzione alla sostenibilità e alla salute, spesso offre opzioni vegane e senza glutine.

          Pizzeria per famiglie

          • Prodotti tipici: Pizze classiche e semplici, ma anche varianti creative per bambini come la Pizza Margherita con wurstel o la Pizza Nutella per i dessert.
          • Caratteristiche: Ambiente accogliente, prezzi accessibili e porzioni generose.

          Pizzeria da asporto

          • Prodotti tipici: Grande varietà di pizze classiche e moderne, spesso con offerte speciali per combo e menu a prezzi ridotti.
          • Caratteristiche: Velocità di servizio, packaging pratico per il trasporto, e attenzione alle preferenze locali.

            Conclusioni

            Le pizzerie al taglio offrono una vasta gamma di prodotti che possono essere adattati alle diverse tipologie di clientela. Dalla Pizza Margherita alla Pizza gourmet con ingredienti ricercati, ogni pizzeria può differenziarsi in base alla qualità degli ingredienti, alle ricette e al tipo di servizio offerto. Che tu scelga una pizzeria tradizionale, gourmet, biologica, per famiglie o da asporto, la chiave del successo risiede nell’attenzione alla qualità e alla soddisfazione del cliente.

            Come aprire una pizzeria al taglio: licenze, requisiti e autorizzazioni

            Aprire una pizzeria al taglio richiede di seguire una serie di passaggi burocratici e di ottenere specifiche licenze e autorizzazioni. Ecco cosa bisogna fare, basandosi su informazioni ufficiali fornite dalle Camere di Commercio italiane.

            Licenze e autorizzazioni necessarie

            1. Iscrizione al Registro delle Imprese
            2. Prima di tutto, è necessario iscriversi al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio locale. Questa iscrizione formalizza l’apertura della tua attività e ti permette di operare legalmente​.
            3. Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA)
            4. La SCIA deve essere presentata al Comune competente. Questo documento certifica l’inizio dell’attività e garantisce che la tua pizzeria rispetti tutte le normative igienico-sanitarie e di sicurezza​.
            5. Autorizzazione sanitaria
            6. Devi ottenere l’autorizzazione dall’ASL (Azienda Sanitaria Locale) per garantire che la tua attività rispetti le normative sanitarie vigenti. Questo include il rispetto delle norme HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) per la sicurezza alimentare​.
            7. Requisiti professionali
            8. È obbligatorio possedere specifici requisiti professionali, come aver frequentato un corso di formazione per la somministrazione di alimenti e bevande riconosciuto dalla Regione, o avere esperienza lavorativa nel settore​.
            9. Licenza commerciale
            10. La pizzeria deve ottenere una licenza commerciale che autorizza la vendita e la somministrazione di alimenti. Questo include anche la vendita di bevande alcoliche, se previste.

            Altri requisiti e adempimenti

            1. Adeguamenti strutturali
            2. Il locale deve essere adeguato alle normative vigenti, incluse le disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro e accessibilità. Questo può includere ristrutturazioni o modifiche specifiche del locale​.
            3. Registrazione INPS e INAIL
            4. È necessario registrare l’attività presso l’INPS (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale) e l’INAIL (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) per la copertura previdenziale e assicurativa dei dipendenti​.
            5. Certificazioni di conformità
            6. Gli impianti del locale, come quelli elettrici e idraulici, devono essere certificati a norma. Questo garantisce la sicurezza degli ambienti di lavoro e dei clienti.
            7. Autorizzazioni ambientali e per le emissioni sonore
            8. Se la tua pizzeria utilizza apparecchiature che producono emissioni, come i forni a legna, potrebbe essere necessario ottenere specifiche autorizzazioni ambientali. Inoltre, se prevedi l’uso di sistemi di amplificazione sonora, dovrai ottenere permessi per le emissioni acustiche​.

            Aprire una pizzeria al taglio richiede il rispetto di numerosi requisiti burocratici e normativi. È essenziale ottenere tutte le licenze e le autorizzazioni necessarie per operare legalmente e in sicurezza. Per assistenza dettagliata e per assicurarti di seguire correttamente tutte le procedure, è consigliabile consultare le guide fornite dalle Camere di Commercio locali e rivolgersi a professionisti del settore.

            Come calcolare quanto costa aprire la tua pizzeria al taglio

            Utilizzare il software business plan Pizzeria al taglio di Bsness.com ti permette di calcolare con precisione tutti i costi e il fabbisogno finanziario della tua attività. Ecco come procedere:

            1. Calcolo dei costi fissi

            I costi fissi sono quelle spese che rimangono costanti indipendentemente dal volume di produzione o vendita. Per una pizzeria al taglio, i principali costi fissi includono:

            • Affitto del locale: Es. €1.500 al mese;
            • Stipendi del personale: Es. €5.000 al mese per un pizzaiolo, un aiuto pizzaiolo e un cassiere;
            • Utenze (elettricità, acqua, gas): Es. €500 al mese;
            • Assicurazione: Es. €200 al mese;
            • Manutenzione ordinaria delle attrezzature: Es. €300 al mese;
            • Marketing e pubblicità: Es. €200 al mese.

            Totale costi fissi mensili: Circa €7.700.

            2. Calcolo dei costi variabili

            I costi variabili variano in base alla quantità di prodotto venduto. Per una pizzeria al taglio, questi costi includono:

            • Materie prime (farina, pomodoro, mozzarella, etc.): Es. €1,50 per 100 grammi di pizza;
            • Imballaggi (scatole per pizza, tovaglioli): Es. €0,10 per unità;
            • Commissioni su pagamenti elettronici: Es. 2% del fatturato.

            3. Determinazione del fabbisogno finanziario

            Il fabbisogno finanziario include tutte le spese iniziali necessarie per avviare la pizzeria, come:

            • Attrezzature: Forno (€7.000), impastatrice (€2.000), frigoriferi (€3.000);
            • Arredi: Bancone, tavoli e sedie (€5.000);
            • Ristrutturazione del locale: €15.000;
            • Licenze e permessi: €2.000;
            • Prima fornitura di materie prime: €4.000.

            Totale fabbisogno finanziario: Circa €38.000.

            4. Importo del finanziamento bancario

            Per coprire il fabbisogno finanziario, potrebbe essere necessario richiedere un finanziamento bancario. Ecco come calcolare l’importo necessario:

            • Capitale proprio disponibile: €10.000.
            • Importo del finanziamento necessario: €38.000 – €10.000 = €28.000.

            5. Calcolo della sostenibilità del finanziamento

            Per calcolare la sostenibilità del finanziamento, il software calcola il Debt Service Coverage Ratio (DSCR), che misura la capacità dell’impresa di generare abbastanza reddito per coprire le spese del debito.

            • DSCR = EBITDA / Servizio del debito annuo.

            Supponiamo che il EBITDA (Earnings Before Interest, Taxes, Depreciation, and Amortization) previsto sia €50.000 annui e che il servizio del debito annuo (rate + interessi) sia €12.000 annui.

            • DSCR = 50.000 / 12.000 = 4.17.

            Un DSCR superiore a 1 indica che l’impresa è in grado di coprire il debito con i suoi utili. Un DSCR di 4.17 indica una buona capacità di sostenere il finanziamento.

            Conclusioni

            Utilizzare il software business plan Pizzeria al taglio di Bsness.com ti consente di calcolare con precisione i costi fissi e variabili, il fabbisogno finanziario, e l’importo del finanziamento necessario. Inoltre, puoi verificare la sostenibilità del finanziamento richiesto prima di inoltrare la documentazione alla banca, assicurandoti che la tua attività sia finanziariamente solida e in grado di sostenere il debito.

            Articolo scritto il 16/5/2024

            dott stefano ventura bsness

            STEFANO VENTURALinkedin

            È il fondatore di Bsness.com, software house operante in Italia e Spagna. Si è laureato in economia e commercio presso l’Università di Bologna dove ha anche conseguito il titolo di Dottore Commercialista. Ha esercitato con successo la professione di Dottore Commercialista come esperto in budget e business plan per poi dedicarsi a tempo pieno alla crescita di Bsness.com.