Aprire un hotel in Italia richiede un investimento notevole, non solo finanziario ma anche in termini di tempo e risorse.

Ecco alcuni elementi da considerare per capire quanto può costare aprire un hotel e quali strumenti utili si possono impiegare per calcolare i costi complessivi.

software business plan hotel

Il software specifico per fare il business plan di un hotel in modo semplice e rapido, anche senza essere un esperto.

Lavora direttamente su un esempio completo realizzato da esperti del settore per il mercato italiano.

Elementi da considerare per calcolare quanto costa aprire un hotel

  • Tipologia di hotel: esistono diverse tipologie di hotel in italia, tra cui hotel di lusso, boutique hotel, hotel business, e hotel budget. Ogni tipologia ha esigenze e costi diversi sia in termini di costruzione che di gestione;
  • Ubicazione: l’ubicazione è fondamentale e influisce significativamente sui costi. Le zone turistiche prime o le città importanti possono avere costi immobiliari e operativi più alti;
  • Dimensioni e servizi: più grande è l’hotel e più servizi offre (ristorante, spa, piscina, ecc.), più elevati saranno i costi iniziali e operativi;
  • Ristrutturazione o costruzione: i costi variano notevolmente a seconda che si acquisti un immobile esistente da ristrutturare o si costruisca un nuovo hotel da zero;
  • Arredamento e attrezzature: gli interni devono essere accoglienti e funzionali, con attrezzature moderne e di qualità;
  • Licenze e permessi: ogni attività alberghiera necessita di una serie di licenze e permessi, i cui costi variano a seconda della regione e del comune;
  • Personale: le spese per il personale sono una delle voci di costo più significative, soprattutto all’inizio;
  • Marketing e promozione: la promozione dell’hotel, specialmente nella fase iniziale, è essenziale per attrarre clienti.

Utilizzare un software specifico per il settore alberghiero può aiutare a calcolare i costi iniziali, il fabbisogno finanziario e a pianificare il budget.

Questi strumenti, come il software business plan hotel di bsness.com, includono esempi completi sui quali lavorare e il calcolo degli indici di bancabilità per valutare la sostenibilità dei finanziamenti richiesti.

I costi per avviare un hotel in italia

Descrivere i principali costi per investimenti, fissi e variabili di un hotel richiede un’analisi dettagliata che consideri le dimensioni e le tipologie di hotel.

Di seguito, un quadro generale dei costi, considerando un hotel medio in italia, con l’obiettivo di fornire un’idea di massima:

Costi di investimento iniziali

Acquisto o costruzione dell’immobile:

  • Piccolo hotel/boutique hotel (10-20 camere): €500.000 – €2.000.000
  • Hotel di media dimensione (20-50 camere): €2.000.000 – €5.000.000
  • Grande hotel (50+ camere): €5.000.000 in su

Ristrutturazione e arredamento:

  • Standard medio: €5.000 – €15.000 per camera
  • Standard alto/lusso: €15.000 – €30.000 per camera

Attrezzature per servizi aggiuntivi (ristorante, spa, ecc.): €50.000 – €500.000

Sistemi it e software di gestione: €10.000 – €50.000

Licenze e permessi: variabili, circa €5.000 – €20.000

 

Costi operativi fissi

Personale:

  • Piccolo hotel: €100.000 – €200.000 annui
  • Hotel di media dimensione: €200.000 – €500.000 annui
  • Grande hotel: €500.000 in su annui

Utenze (acqua, luce, gas, internet): €1.000 – €5.000 mensili

Manutenzione e riparazioni: 1% – 3% del valore dell’immobile annuo

Assicurazioni: €5.000 – €20.000 annui

Tasse e imposte locali: variabili

Marketing e pubblicità: 3% – 6% del fatturato annuo

Costi variabili

Forniture per ospiti (biancheria, prodotti da bagno, ecc.): €1 – €5 per ospite

Lavanderia: €2 – €4 per camera al giorno

Alimentari e bevande (se presenti ristorante/bar): 25% – 35% dei ricavi del ristorante/bar

Commissioni di prenotazione (portali online, agenti di viaggio): 15% – 30% del prezzo della camera

Questi numeri sono approssimativi e possono variare notevolmente in base alla posizione geografica, al mercato locale, al livello di servizio e alle condizioni economiche generali.

È importante notare che un piano aziendale dettagliato e personalizzato, che consideri tutte queste variabili, è cruciale per una stima accurata e per il successo a lungo termine dell’hotel.

Strumenti come software per la pianificazione finanziaria e la consulenza da esperti del settore possono essere inestimabili in questo processo.

Il costo per aprire un piccolo hotel in Italia

1.500.000 € è il costo medio per acquistare e aprire un piccolo hotel in una città italiana con circa 15-20 camere.

Vediamo come l’abbiamo calcolato.

Stima dei Costi per un Piccolo Hotel

  • Acquisto/Costruzione dell’Immobile: Media: €1.000.000 – €1.500.000
  • Ristrutturazione e Arredamento (€10.000 per camera): Per 20 camere: €200.000
  • Attrezzature per Servizi Aggiuntivi: Media: €100.000
  • Sistemi IT e Software di Gestione: Media: €30.000
  • Licenze e Permessi: Media: €10.000
  • Capitale Circolante Iniziale (per coprire i costi operativi iniziali): Media: €100.000 – €200.000

Totale Costo Medio di Avvio

Sommando questi costi, il costo totale medio per aprire un piccolo hotel in una città italiana può variare da circa €1.440.000 a €2.040.000.

Questa stima è una generalizzazione e i costi possono variare notevolmente a seconda della località specifica, delle condizioni dell’immobile, dei livelli di servizio previsti e di altri fattori unici per ogni situazione.

È importante notare che, oltre a questi costi iniziali, un hotel deve anche sostenere i costi operativi correnti, che includono stipendi del personale, utenze, marketing, manutenzione e altri costi variabili.

Inoltre, la pianificazione finanziaria dettagliata e l’analisi del mercato sono cruciali per assicurare la fattibilità e il successo dell’hotel.

Articolo scritto il 23/11/2023

dott stefano ventura bsness

STEFANO VENTURALinkedin

Stefano Ventura è il fondatore di Bsness.com, software house operante in Italia e Spagna. Si è laureato in economia e commercio presso l’Università di Bologna dove ha anche conseguito il titolo di Dottore Commercialista. Ha esercitato con successo la professione di Dottore Commercialista come esperto in budget e business plan per poi dedicarsi a tempo pieno alla crescita di Bsness.com.