In questo articolo chiariremo tutti gli aspetti di una piccola ma importante parte del business plan: l’organigramma dell’azienda e vi spiegheremo come farlo, perché è importante, quale schema utilizzare e tanti altri aspetti e curiosità sul tema.

Cosa significa organigramma?


In breve è una rappresentazione grafica della struttura organizzativa di un’azienda o di una organizzazione pubblica o privata.

Si tratta di un grafico, il più semplice possibile, che illustra come è strutturata l’organizzazione di un’azienda o di un ente, inserito nell’executive summary o nel capitolo relativo alle risorse umane.

Attraverso riquadri e linee evidenzia e illustra quali sono le funzioni aziendali, gli organi facenti parte dell’organizzazione ed i rapporti intercorrenti tra ognuno di essi.

Come fare un organigramma?

Si può creare facilmente un organigramma utilizzando una specifica funzione di Microsoft Excel.

Una volta entrati nel programma selezionare la voce “inserisci” dalla barra degli strumenti e poi, dal gruppo “illustrazioni” selezionare l’icona verde “inserisci elemento grafico strumenti Smartart”.

A questo punto selezionare la voce “gerarchie” e poi il tipo più adeguato per la propria struttura.

Sarà poi sufficiente imparare ad usare i due tre comandi disponibili per creare più livelli, indicare il nome delle varie funzioni e delle persone responsabili di ogni funzione e mansione.

Una volta creato l’organigramma, sarà poi possibile selezionarlo e incollarlo, ad esempio, in paint per poi creare un’immagine da utilizzare nella propria documentazione aziendale o da riportare nel documento di business plan.

Tipi di organigramma

Riportiamo di seguito tre delle principali tipologie di organigramma ed una breve descrizione esplicativa.

Organigramma funzionale

Rappresenta le funzioni presenti all’interno dell’azienda.

Nella struttura elementare le decisioni vengono prese dalla direzione generale che si occupa anche delle principali funzioni aziendali.

Nella struttura evoluta, invece, abbiamo una maggior specializzazione delle funzioni e mansioni ma, allo stesso tempo, una maggior difficoltà di coordinamento tra le varie aree e funzioni.

Organigramma divisionale


Tipico di aziende con una struttura divisionale che realizza prodotti molto differenti l’uno dall’altro.

In ogni divisione ritroviamo la medesima struttura funzionale.

Questo tipo organizzativo aumenta la competizione interna e, solitamente, anche le performance ma provoca frequentemente diseconomie di scala.

Organigramma a matrice


E’ una struttura necessaria alla gestione di processi non standard.

Le funzioni, facenti parte di una struttura a matrice, rispondono sia al superiore che al responsabile di progetto col quale operano.

Un organigramma a matrice può generare conflitti di competenza ma conferisce elasticità all’organizzazione, elemento fondamentale in un mercato molto dinamico.

Esempio di organigramma aziendale


Un esempio semplice e adatto alla maggior parte delle piccole imprese è un organigramma funzionale composto dalla Direzione al di sopra di tutto e poi una serie di funzioni direttamente dipendenti quali:


–         L’amministrazione;
–         L’area di ricerca e sviluppo;
–         L’area acquisti;
–         Lo stabilimento di produzione:
–         L’aerea vendite

Di seguito riportiamo il risultato grafico.

Schema di organigramma aziendale


Abbiamo creato in pochi minuti questo schema di organigramma utilizzando Microsoft excel come spiegato in questa guida al punto 1.2.

E’ possibile utilizzare differenti schemi, layout, aspetti grafici e generare il numero di livelli desiderati.

Schema di organigramma
Schema di organigramma

Fac simile organigramma aziendale in inglese

Riportiamo di seguito il fac-simile di un organigramma aziendale in lingua inglese.

Organigramma aziendale in inglese
Organigramma aziendale in inglese

E’ utile per vedere la traduzione utilizzata per le varie funzioni e reparti come, ad esempio CIO, director, technical specialist, business analyst ecc.

Le domande più frequenti riguardo l’organigramma aziendale

Riportiamo di seguito le risposte alle domande che ci vengono poste più frequentemente e che non hanno ancora trovato risposta nei punti precedenti del nostro articolo.

Potete porre ulteriori quesiti nei commenti a questo post.

A cosa serve l’organigramma aziendale?

La funzione dell’organigramma aziendale è quella di descrivere e definire la struttura organizzativa dell’ente.

Per mezzo dell’organigramma si comunica ai terzi e a chiunque sia interessato a lavorare ed interagire con l’azienda:


–         chi è responsabile dell’assunzione di determinate decisioni;
–         le ragioni per le quali siano state effettuate le assunzioni del personale;
–         quali sono le relazioni che intercorrono tra ogni funzione e ruolo.

Internamente, ha invece la funzione di evidenziare eventuali aree di sovrapposizione o di vuoti organizzativi.

Cosa si intende per struttura organizzativa di una azienda?

La struttura organizzativa rappresenta la relazione gerarchica che definisce la divisione interna del lavoro in azienda.

La struttura organizzativa ha l’obiettivo di organizzare l’azienda rispetto ai suoi obiettivi, come ad esempio: l’aumento della redditività, il controllo dei costi o il controllo della crescita, definendo:

  • le funzioni esistenti;
  • i posti di lavoro e i reparti;
  • le mansioni e responsabilità di ciascuno;
  • le relazioni esistenti tra ogni funzione e reparto e il flusso informativo e di comando.

La struttura organizzativa è una guida per l’esecuzione dei compiti aziendali e per le procedure e le routine di lavoro.