I finanziamenti a fondo perduto per l’imprenditoria femminile per il 2022, possono essere più correttamente distinti in:

  • contributo a fondo perduto e cioè una agevolazione concessa all’impresa che non dovrà essere restituita;
  • finanziamento agevolato ovvero un prestito concesso alle imprese ammesse che dovrà essere restituito ma senza interessi e senza dover fornire alcuna garanzia.

Cosa sono i finanziamenti a fondo perduto per l’imprenditoria femminile 2022

Le agevolazioni sotto forma di finanziamenti per l’imprenditoria femminile saranno riservate esclusivamente alle imprese femminili già costituite.

Mentre le nuove imprese saranno escluse dai finanziamenti agevolati (avranno diritto solo ai contributi imprenditoria femminile a fondo perduto), le imprese già costituite da più di dodici mesi potranno accedere ad entrambe le agevolazioni.

Stiamo parlando quindi della linea di azione B: “Incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili”.

Le imprese femminili e le imprenditrici con attività aperta da almeno dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione rientreranno appunto nella linea di azione “B”.

Software invitalia imprenditoria femminile

Il modulo per riclassificare automaticamente i dati economici e finanziari dei nostri software business plan negli schemi richiesti nel piano d’impresa del bando imprenditoria femminile di Invitalia

Le agevolazioni per le imprese già costituite

Come accennato, le imprese già costituite da oltre 12 mesi avranno accesso sia ai contributi a fondo perduto che ai finanziamenti agevolati.

Bisogna però fare attenzione ad un’ulteriore distinzione realizzata tra le imprese costituite da più o meno di 36 mesi.

I finanziamenti e i contributi a fondo perduto per le imprese costituite da meno di 36 mesi

Le imprese femminili con meno di tre anni di anzianità avranno diritto ad agevolazioni fino all’80% delle spese ammissibili sostenute.

Le agevolazioni imprenditoria femminile, andranno a coprire l’80% delle spese sostenute in due modi e cioè:

  • per metà attraverso contributi a fondo perduto che non dovranno più essere restituiti;
  • per l’altra metà attraverso un finanziamento agevolato a tasso zero e senza garanzie della durata massima di 8 anni.

Le agevolazioni per le imprese costituite da oltre 36 mesi

Giusto per complicare un po’ le cose, per le imprese costituite da oltre 36 mesi, i finanziamenti a fondo perduto per l’imprenditoria femminile 2022, funzionano in una maniera ancora differente.

Avremo quindi tre diverse modalità di funzionamento per le nuove imprese, quelle con meno di 36 mesi e quelle con più di 36 mesi.

È bene quindi utilizzare i due mesi ancora disponibili prima della presentazione delle domande per assimilare e processare al meglio ogni informazione.

Per le imprese costituite da oltre 36 mesi le cose saranno un pelo più complicate in quanto sarà necessario tra spese per investimenti e esigenze di capitale circolante.

Chiariamo per i meno esperti cosa si intende per “esigenze di capitale circolante”: il capitale circolante è riferito alle attività e passività correnti legate all’attività operativa.

Ci si riferisce quindi alle spese legate all’attività caratteristica ed operativa dell’impresa come l’acquisto delle merci, spese per servizi, personale ecc.

Tornando al tema principale, le agevolazioni per gli investimenti saranno concesse:

  • 50% sotto forma di contributi a fondo perduto;
  • 50% nella forma di finanziamento agevolato a tasso 0, senza garanzia alcuna e con una durata di massimo otto anni.

Le spese ammissibili, rientranti nelle esigenze di capitale circolante, saranno invece agevolate sotto forma di contributo a fondo perduto.

Quali sono i limiti di spesa per le imprese già costituite?

finanziamenti imprenditoria femminile
cosa sono i finanziamenti imprenditoria femminile

Per le imprese femminili già costituite, i limiti complessivi di spesa sono superiori a quelli previsti per le nuove imprese.

Il limite dovrà essere di 400.000 € al netto dell’IVA.

Attenzione che tali spese dovranno essere sostenute entro e non oltre ventiquattro mesi dalla data di trasmissione del provvedimento di concessione delle agevolazioni.

I 24 mesi partiranno dunque dal momento in cui ci verrà comunicato che la nostra domanda è stata accettata da Invitalia.

Quando presentare la domanda per le imprese già costituite?

Anche i termini di presentazione delle domande sono differenziati tra le nuove imprese e quelle costituite da oltre 12 mesi.

La compilazione delle domande sarà possibile a partire dalle ore 10 del 24 maggio 2022 quando, presumibilmente, sarà attivo il sito di Invitalia per registrarsi ed aprire la propria anagrafica.

Dopo esattamente 15 giorni sarà invece possibile inviare la domanda vera e propria e cioè il 7 giugno alle ore 10.

Anche se 15 giorni sembrano tanti, vi consigliamo di iniziare fin da subito con:

ricerche di mercato;

richiesta preventivi ai fornitori;

raccolta dei curriculum vitae dei soci e dei principali collaboratori;

redazione del budget e del business plan del vostro progetto.

Software business plan on demand

Realizza il business plan in modo semplice e rapido con i nostri software specifici per tutte le principali attività e un esempio già fatto per un caso reale sul quale potrai direttamente lavorare.

Il piano d’impresa ed il business plan per l’imprenditoria femminile

Sulla base della nostra esperienza con i bandi di Invitalia vogliamo avvisarvi subito di cosa potrebbe succedere quando pensate di aver quasi finito di preparare la domanda.

Una volta riempiti tutti quanti i moduli richiesti per partecipare e aver riempito tutti i quadri del piano d’impresa con le informazioni su:

  • compagine sociale e relativi curriculum ed esperienze;
  • l’idea imprenditoriale e come svilupperete i vostri prodotti e servizi;
  • l’analisi del mercato e della concorrenza e tutto quanto vi verrà richiesto,

troverete una serie di schemi e tabelle nelle quali verrà richiesto il conto economico, lo stato patrimoniale, il rendiconto finanziario, lo schema fonti e impieghi, l’analisi dei flussi in entrata e in uscita ecc.

Probabilmente non saprete né da dove iniziare né da dove finire.

Questo perché senza aver prima fatto un business plan sarà assolutamente impossibile avere a disposizione i dati da inserire.

Inoltre, questa parte è importantissima e costituirà una significativa parte del punteggio attribuito per formare le graduatorie e decidere quali imprese saranno finanziate e quali no.

Vi consigliamo quindi di iniziare da subito con il business plan per poi poter riclassificare al volo i dati negli schemi richiesti da Invitalia con il nostro software.

Controlla subito se per la tua attività è disponibile il software specifico con un esempio di business plan già fatto e sul quale potrai direttamente lavorare.

Poi ti avviseremo non appena sarà pronto anche il modulo “Imprenditoria femminile” per la riclassificazione dei dati.

Concludendo con i finanziamenti a fondo perduto per l’imprenditoria femminile 2022

Dal momento che abbiamo deciso di sviluppare il tema dei finanziamenti a fondo perduto per l’imprenditoria femminile per il 2022, abbiamo approfondito gli aspetti principali per le imprese già costituite da oltre 12 mesi.

Le imprese già costituite sono infatti le sole a poter accedere ai finanziamenti agevolati a tasso zero e senza garanzie.

Analizzeremo in un prossimo approfondimento le agevolazioni spettanti alle nuove imprese ed il processo di valutazione delle domande al fondo impresa donna.

Continua a seguirci per non perdere aggiornamenti, software e news per il bando Imprenditoria femminile di Invitalia.